Carnevale 2024

ATTENZIONE!
Causa previsto maltempo, la sfilata e la festa di Carnevale è posticipata a domenica 18 febbraio.
Passaparola…

Vi aspettiamo tutti ad Albino, per una festa indimenticabile! Siete pronti? Vivremo una grande operazione più che matematica: sarà divertimento quale risultato dell’addizionata complicità dei quattro elementi e dei quattro oratori: Albino, Bondo Petello, Desenzano e Comenduno. Non puoi mancare!

L’albero di Natale all’uncinetto

I lavori all’uncinetto sono tornati di tendenza ad Albino. Il bellissimo albero di Natale di Comenduno dello scorso anno ha ora altri lavori altrettanto belli a fargli compagnia; sono i presepi all’uncinetto esposti al maglio Calvi, sempre a Comenduno, e i certosini addobbi dell’albero di Natale del nostro Oratorio. 

Relativamente a quest’ultimo lavoro abbiamo incontrato alcune delle esecutrici dell’opera, che sono: Liliana, Donatella, Silvia, Giuseppina, Teresina, Luisa e Manuela; ma c’è anche una quota azzurra, Jack, che ha aiutato nell’allestimento dell’albero. 

«Siamo un gruppetto di donne “diversamente giovani” – così si presentano -, abbiamo allestito un albero di circa due metri d’altezza e lo abbiamo decorato con stelle, palle, angeli e addobbi vari, tutti realizzati all’uncinetto».

«L’anno scorso, ma anche quest’anno, ho lavorato alla realizzazione dell’albero di Comenduno – aggiunge Liliana -, successivamente un’amica ha proposto di pensare a qualcosa anche per Albino. È nato così un candido abete natalizio che rallegra tutte le persone che entrano in Oratorio».

Le uncinettine albinesi si sono ritrovate insieme alcune ore alla settimana per oltre tre mesi (alcune di loro già da giugno), unendo le loro abilità manuali e creative per realizzare questo progetto comune. 

E c’è già chi ha chiesto di acquistare gli addobbi, cosa possibile ma dopo l’Epifania. Il ricavato andrà in favore del nostro Oratorio.

Freme d’attesa

Una poesia di don Daniele per il Natale del Signore che viene…

Freme d’attesa l’aere
Come un cielo in piena notte
Che brilla di piccole stelle lucenti
Nella rarefatta atmosfera

Freme d’attesa l’umanità
Assetata di gocce e rugiada
Radicata su un terreno ancor secco
Nell’aridità della vita

Freme d’attesa il mondo
Come in un campo, in battaglia
Che desidera pace
Nel rumoroso e doloroso baccano

Freme d’attesa il mio cuore
Che desidera finalmente incontrarti
Che tante cose sa d’aver errato
Nella trepida ricerca di Te

Questa attesa sei Tu nostro unico respiro
Acqua fresca di vita
Sollievo nel mondo
Abbraccio d’amore che viene

Buon Natale.

Avvisi 18-26 dicembre

Continua

Buongiorno Gesù (ore 7.30, elementari in Prepositurale, medie in Oratorio)

Preghiera serale delle famiglie, h 20.30, canale radio e YouTube dell’Oratorio

Concorso Presepi (iscrizioni in Oratorio)

Confessioni

Lunedì 18/12 dopo la Messa delle h 8.30 / h 15.00 / h 20.30

Martedì 19/12 h 20.30 adolescenti e scout

Mercoledì 20 h 14.30 medie / 16.15 elementari

Sabato 23/12 possibilità delle confessioni (mattina e pomeriggio)

Martedì 19/12

Consegna in Oratorio bollettino parrocchiale

Mercoledì 20/12

Esposizione del Santissimo nella chiesa della Guadalupe dalle h 8.30 alle h11.30

Giovedì 21/12

Messa dello sportivo, h 20.45 in Prepositurale

Venerdì 22/12

h 16.00 adorazione e Santa Messa nella Chiesa di S. Anna

Domenica 24 / VIGILIA DI NATALE

Sante Messe alle h 8.30 e 10.30. Sospesa la Messa delle h 18.00

h 20.30 Santa Messa per le famiglie in Prepositurale

h 20.30 partenza dalla chiesa di S. Anna per la Fiaccolata di Natale

h 23.15 Veglia e Messa nella Notte Santa

Lunedì 25/12 / NATALE

Alle h 8.00 e 9.00 Santa Messa in Casa Albergo

Alle h 10.30 e 18.00 Santa Messa in Prepositurale

h 16.00 Canto solenne dei vespri in Prepositurale

Martedì 26/12 / SANTO STEFANO

Santa Messa h 8.30 e 10.30

Mons. Camillo Carrara

Si cercano  nipoti e pronipoti di mons. Camillo Carrara.

I Frati Cappuccini hanno preso l’iniziativa di ricordare il Centenario della morte di mons. Camillo Carrara, avvenuta a Keren in Eritrea, con la pubblicazione dei suoi scritti e altro.

Gli stessi chiedono ai nipoti e pronipoti se conservano ancora lettere e scritti suoi. Nel 1991 gli stessi vollero porre una lapide in memoria di mons. C. Carrara nella cappella del cimitero di Albino, mentre la tomba è nella cattedrale di Asmara in Eritrea.

E’ dunque importante rintracciare gli stessi discendenti: anche chi è a conoscenza dell’identità di Carrara “Capelù” è pregato di segnalarlo in casa parrocchiale.

Moroni e la sua terra

Quattro video alla scoperta del grande artista in un viaggio tra Albino, Bergamo e Brescia.
Proponiamo i primi tre video, realizzati da Sky Arte, che anticipano e accompagneranno il grande evento espositivo milanese “Moroni (1521 – 1580) Il ritratto del suo tempo” dedicato a Giovan Battista Moroni. La mostra sarà aperta al pubblico dal 6 dicembre 2023 al 1 aprile 2024 alle Gallerie d’Italia in piazza della Scala. Di seguito il primo video dedicato ad Albino.

ISCRIZIONI CRE 2023 #TUxTUTTI

ISCRIZIONI CRE 2023 #TUxTUTTI
Dal 26 giugno al 21 luglio

➡️ Scannerizza il QR code per effettuare la preiscrizione online o passa in Oratorio a ritirare il modulo.

🧑🏻‍💻 Puoi trovare tutte le informazioni anche sul sito www.oratorioalbino.it

🗓️ Lunedì 22 maggio alle ore 18.30 verrà presentato in Oratorio il programma del CRE.

cregrest #cre2023 #oratorioalbino

C’è un posto tutto per te!

In occasione della “Settimana della Cultura – Nella Città di Tutti”, ti accompagneremo alla scoperta di preziose curiosità e luoghi ricchi di arte, storia e fede, aperti straordinariamente per l’occasione: l’Archivio parrocchiale e la Biblioteca del Clero; la Cappella della Comunità nella Prepositurale di San Giuliano; il Coro delle Carmelitane nella Chiesa di Sant’Anna.

Guarda il filmato di presentazione

Giornata per la Vita 2023

Le iniziative promosse dalla nostra comunità

Domenica 5 febbraio si celebrerà in tutta Italia la 45a Giornata nazionale per la vita.
Per tutta la giornata di Domenica (e anche sabato 4 febbraio in concomitanza con la S. Messa prefestiva in Prepositurale e al mattino nel porticato della chiesa di Sant’Anna) verrà riproposta l’iniziativa di sensibilizzazione ai temi della vita e di sostegno a progetti di aiuto alla vita.
In tutte le chiese della Parrocchia di Albino dove si celebreranno le Ss. Messe (Prepositurale di San Giuliano, Frati Cappuccini, Madonna del Pianto, Madonna della Concezione e Madonna di Guadalupe) si vivranno - durante le celebrazioni - alcuni momenti di riflessione sui temi della vita e a tutti i presenti sarà consegnato il messaggio “La morte non è mai una soluzione (...)” che i Vescovi italiani hanno preparato per la Giornata per la Vita di quest’anno, pubblicato qui a fianco.
Fuori dalle chiese sarà possibile prendere un vasetto di primule e lasciare un’offerta libera, il cui ricavato servirà per sostenere iniziative in favore della vita.
Nella settimana che precederà la Giornata per la vita, da lunedì 30 gennaio a sabato 4 febbraio, presso il santuario della Madonna di Guadalupe, si pregherà per la vita con il Rosario meditato tutte le mattine alle ore 7.30 prima della S. Messa delle 8.00.

L’impresa di Gustavo Carrara

Un fatto, con protagonista un albinese, venuto alla luce in occasione del Giorno della memoria di quest’anno.

di Angelo Calvi

Gustavo Carrara, morto a 92 anni nel 2016, anno in cui è stato ricordato su queste pagine, merita un ulteriore ricordo per un’impresa, di cui è stato protagonista in gioventù e che è stata conosciuta solo di recente. L’hanno ricordata i figli e se ne sono trovati riscontri.
Beneficiaria del suo coraggio è una coppia di ebrei che erano internati ad Albino dal 16 marzo 1942 (nella foto): Mstowski Susi (Susie, Sprinza), nata il 23-11-1920, e Neumann Wolfgang, nato il 21-2-1914, lei polacca, lui tedesco. Giunti a Milano dai loro paesi per sfuggire alla persecuzione nazista contro gli ebrei, qui si erano conosciuti e sposati in attesa di emigrare negli USA, ma in Italia, per le leggi razziali fasciste erano stati, con le loro famiglie, prima deportati in un campo di concentramento in Calabria, poi internati “liberi” a Serina e quindi ad Albino. Della loro vita precedente si parla anche in un libro, opera del professor Antonio Spinelli, Vite nell’ombra, 2022, che si rifà a Rosa Stavsky Ivankowski, Not Enaough Points, 2009, scritti di una sorella di Susi.
Gustavo li conosce quando abitano ad Albino in via Umberto I (ora via Mazzini) al n. 2, mentre la sua casa era a metà della stessa via. Gustavo raccontò ai suoi figli che, un ebreo, musicista, per mantenersi dava lezioni a giovani di Albino. Fra questi era Gustavo, classe 1924, che gli portava, ogni lezione, un pane bianco per Susi che era rimasta incinta. Gustavo imparò a suonare con il violino la Czardas di Monti.
La famiglia di Susi era internata a Piove di Sacco, in provincia di Padova, ma si poterono incontrare fra loro pochissime volte; i due andarono là e qui venne la sorella Rosa, ancora vivente, più giovane di 10 anni rispetto a Susi, dopo aver ottenuto le autorizzazioni delle autorità fasciste con tanto di foglio di via.
Quando, dopo l’8 settembre 1943, in Alta Italia si costituì la Repubblica Sociale Italiana occupata dall’esercito nazista, la soluzione finale del problema ebraico voluta da Hitler si avviò anche qui al compimento. I due stranieri sapevano che cosa voleva dire: deportazione in Germania per ignota fine. 
Quando il capo dei fascisti albinesi, ricorda ancora Rosa, li avvertì che avrebbe dovuto arrestarli, probabilmente, l’indomani, entra in scena Gustavo, già appassionato di montagna, attivo nella sezione del Club Alpino Italiano di Bergamo, con certezza dal 1945, che propone un percorso di fuga in montagna verso la Svizzera, da Albino, via Selvino, così ricordano i figli, prima tappa a Serina.
Partono il 4 ottobre. «Il 4 ottobre 1943 fuggii da Albino via Tirano a Campocologno, dove incontrai le guardie di frontiera svizzere.  Il passaggio della frontiera avvenne alle ore 07:00 nei pressi di Campocologno. Sono fuggito dall’Italia per paura di essere deportato dai tedeschi».  Questa è la traduzione della dichiarazione in tedesco rilasciata da Wolfgang alla polizia svizzera l’11 ottobre 1943; l’originale è stato trovato presso l’Archivio Federale Svizzero.
Dal Questionario compilato da Susi per la polizia svizzera risulta che furono a Campocologno l’8-10-1943. Tre giorni di cammino da Albino (300 m. sul livello del mare), Selvino (1000 s.m.), Serina (800 s.m); quindi probabilmente in Val Brembana S. Giovanni Bianco (450 s.m.), Passo S. Marco (2000 s.m.), in Valtellina Morbegno (300 s.m), Tirano (400 s.m), Passo di Lughina (1500 s.m.), Campocologno (500 s.m.).
«Mia sorella ha raccontato come era pesante a lei di camminare. Ma erano fortunati. C’era sempre qualche d’uno che ha aiutato» testimonia per scritto la sorella Rosa, il 27 novembre 2022. Gustavo, si sa, era arrivato con loro fino in Valtellina.
«Gli svizzeri li fecero passare perché Sprinze (Susi, n.d.r.) era incinta» scrive il prof. Spinelli citando memorie della sorella Rosa.
Il 18 gennaio 1944 a Losanna nasce il primo figlio, Daniel. Oggi, a 79 anni, si può riconoscergli il titolo di cittadino onorario di Albino. Il 6 ottobre 1945 a Vevey nasce il secondo figlio. Nel 1947 la famiglia lascia la Svizzera per gli U.S.A. Da qui Wolfgang informa Gustavo.
Oggi pure ci si può chiedere perché questa storia di coraggio emerga ad Albino solamente dopo 80 anni.
Si può avanzare l’ipotesi che Gustavo sia uno di quelli per i quali, come diceva Gino Bartali, “il bene si fa e non si dice”. E fu il suo modo di fare in tutto il suo quotidiano. Un’altra spiegazione si può trovare nel fatto che, nel decennio seguente ai fatti, gli italiani furono interessati a rinascere e ricostruire. E dimenticare la guerra e il fascismo. E con esso l’antifascismo.
Questa memoria tardiva di un’impresa dimenticata non costruisce certo una cultura diffusa e condivisa, ma vuole almeno ricordare che “l’antisemitismo e l’anti giudaismo sono l’archetipo del pregiudizio” (Elena Loventhal, La stampa 14-10-2022), e di ogni discriminazione.
La coppia di ebrei che erano internati ad Albino dal 16 marzo 1942

Solo per i tuoi occhi

di Nerussia Gogch 

Con lui c’è stato solo un cenno. Attraverso la strada. Oltre la siepe. Uno scambio di informazioni. La richiesta di portare ossequi. Sarà dovere!
Così per anni. I suoi ultimi. Ma fin dai primi. Per un motivo o l’altro è stato parte della famiglia. Per la montagna con i miei genitori. Per il lavoro con gli zii. Per lo sci con le sorelle e i fratelli. Per la casa con i nonni.
Per alcuni anni visse in casa della sua nonna materna, con le zie, le cugine. Maria. Talvolta passo a salutarla. Tra le chiacchiere lascia scivolare aneddoti. Di suo cugino. Persona impegnativa. Persona di passioni. Famiglia, lavoro, montagna, fotografia e la musica.
Ma quest’ultima. Mai condivisa con nessuno. Neppure con uno dei suoi figli. Che chiedeva. Cui rispondeva: “la musica o ce l’hai nel sangue, o’ è inutile impararla”. C’est le fil rouge.
Case. Luoghi. Sono uniti dai passi di persone. Lungo vie e sentieri. Cadenzati da date. I fatti sono riscontrati in documenti. In archivi. Al di qua e al di là delle Alpi, oltre l’Oceano. Ma c’è un groviglio di coincidenze, con salti tra passato e futuro, da far paura. Nulla a che vedere con quella che hanno provato in 3.
Tutto cambia. Ma. Tutti partiamo ultimi in famiglia. È una vita che vado in montagna.


I 2. Marito e moglie stavano nella casa rosa con torretta con ricami liberty infossata dietro quel pentolone del comune. Ai tempi erano in ombra della torre dell’orologio razionalista. Giusto per contribuire all’umidità di quel luogo. Già malsano di suo. 2 metri sopra il livello dell’acqua del torrente. Batteva il tempo. Impartito dal balcone della sede del partito. Irreggimentava la vita. Tutti in riga! Nessuno che osasse fare un passo falso. Altrimenti giù botte. Quanto è difficile dire no. Avevano girato per altre 2 case. In paese. Ricevevano dal governo un sussidio. Per l’affitto. Che non bastava. E per mangiare. Lei la metà di lui. Fin da allora. Un sistema meticoloso teneva di conto. Controllava ogni loro movimento. Tracciava ogni spostamento. Prendeva nota. Scriveva. Trascriveva. Spediva. Archiviava.
Sapere sempre dove fossero tornò utile. A chi a capo del sistema fu messo con le spalle al muro. Render loro la vita impossibile era una cosa. Spedirli in un posto dove gliel’avrebbero tolta era tutta un’altra storia. Si tolse dall’impiccio. Li avvisò che il giorno dopo li avrebbe presi. E il successivo sospese le spese. Quindi?
Lui dopo un anno di medicina. Dopo aver conseguito la laurea in lettere e filosofia. Dans Ville Lumière. Aveva studiato violino. Lei aveva frequentato istituti superiori di chimica cosmetica. Lui dava lezioni di musica. Lei aveva trovato un farmacista che applicava le sue formule.
Hanno ascoltato 2 generazioni di musica avvenire. Lui ha conosciuto la terza. Quella che se la salute ti accompagna è geneticamente definito che un essere umano possa incontrare. 3 generazioni. È il grado ascendente di indagine che il regime stabilì per perseguire la discendenza ebrea. Poi, per completare l’ordinanza, aggiunse mista. A occhio e croce. Ci siamo dentro in tanti. Pochi lo sanno.
A quel ragazzo vivace. Con la passione per la musica. Aveva esaminato le mani. Prima di partire a impartire lezioni. L’aveva redarguito. Inadatte per il violino. Aveva osservato. Forti, dalla presa sulla piccozza. Precise sul pezzo e leste al tornio. Aveva letto. Invitanti verso la consorte. Sicure con le delicate dei figli. Nel tempo. Pronte per gli amici. Tese con tutti. Sempre.
Quel suo allievo. Si era intignato d’imparare una variazione. Quella solo e soltanto. Tanto poi che una volta eseguita. Depose il violino e non lo suonò mai più. Era il mezzo. Dava pane bianco in cambio di note. Metterli al sicuro oltre il confine. Il fine.
Quel giovane andava in montagna. Così un po’ come tutti da queste parti. Aveva anche fatto carte false pur di iscriversi al più prestigioso dei club. Centro. Quando gli inglesismi vennero messi al bando. Quanti pignolismi. Quel giovane sapeva andare in montagna. Vi andrà sempre. Per 92 anni. Tanti quanti quelli del suo maestro. Senza mai saperlo.
Una lunga vita! Una buona vita?


In guerra 2 cose sono importanti. Scarpe e cibo. Prima le scarpe. Poi il cibo. Se hai le scarpe puoi andare alla ricerca di cibo. È sempre guerra. Primo Levi.
Ciascuno. Allaccia le proprie scarpe. Si diventa grandi quando si impara a fare il nodo alle scarpe. Chi fa il nodo in un verso chi nell’altro. Chi fa la galla con l’indice chi con il pollice. Poi ognuno cammina nelle proprie scarpe. Con il proprio passo.
In valle. Era un autunno mite. Questo dalle mappe e dai bollettini meteorologici di tempi di guerra archiviati. Ma ai 3 non era dato sapere. Sotto quali condizioni sarebbero dovuti partire il giorno dopo. Il violinista. Sua moglie in attesa di 6 mesi. L’allievo. 29. 23. 19. La loro età. Che razza di combriccola.
4.10.1943, Albino.
Vestì alla zuava. Infilò gli scarponi. In cuoio ingrassato dalla suola carrarmato. Piegò il collo del piede. Passò i lacci rossi dall’anima in midollino rivestita di cotone dentro i passanti, attorno i ganci bruniti. Una cima sfilacciata. Come sempre. Provò la presa sulla caviglia. Si attrezzò.
Prima delle avversità. Non sai quant’è il tuo coraggio. Se poi è cosa di famiglia. Nonna, zie, cugine, preparavano i pacchi per i partigiani. Tra loro un futuro zio. Scampato alla campagna congelata di Russia. Uno dei pochi.
Come se niente fosse. Se non una delle sue solite scarpinate tra le vette lì attorno. Uscì da quella casa. Dal portone accanto la bottega chiusa. Il droghiere non aveva preso la tessera del fascio. Anche lui un bell’esempio. 200 passi. Fino alla casa dei suoi 2 compagni di passeggiata. Per lui. Una sfacchinata. Per loro.
+700 metri in salita verso Nord. Attraversano Selvino. + o – in quota. Arrivano a Serina. Di nuovo. 5.10.1943. Scendono a Ovest. -200 fino a Cassiglio. Continuano in costa. Salgono fino a quota 2.000. Il passo San Marco. Quello della Serenissima. Repubblica millenaria. 6.10.1943. Affacciati sopra la glaciale Valtellina. Consegna ai 2 una mappa. Ha disegnato il resto del percorso. Ha segnato i punti d’incontro con altri. Come lui. Incoscienti. -1.700 sino al fondovalle. Da percorrere in lungo verso Est. 7.10.1943. Aspettano. Ai piedi dell’Alpe Lughina. Quota 400. Al momento giusto. Su fino a 1.500. Fine. Poi giù a 500. Inizio.
8.10.1943, Campocologno.
1 giorno in + di cammino = 1 giorno in - di paura. In 4 giorni divennero 2 uomini. Di lì a 2 mesi divenne madre.
Rimaneva il dubbio. Fino a un giorno del 1947. E allora a lui, guida lungo il sentiero, gli prese quella rarissima sensazione d’aver fatto la cosa giusta. I 4 erano affacciati allo skyline di New York. Loro 2 + 2 figli. Nati sous les terreaux de Chardonne. 1.1944, il primo. 10.1945, il secondo.
La vita di qualcuno parte in salita. Qui lo è stata fin da prima.


Talvolta. I figli lo sentivano mormorare quel motivetto. Lo riportava a quel giorno. Stay safe!. C’avevano messo su la pelle in 3. Mentre solo ritornava sui suoi passi. Quel brachelì de òs. Perfetto per studiarci anatomia. Ripeteva la variazione.
Una composizione in Re. Dal minore al maggiore e viceversa. Divisa in 7 parti. Ciascuna con tempo e tonalità propri. Andante Largo (1), seguito da un molto più veloce Allegro Vivo (2). Lo segue un movimento molto più lento e compunto Molto Meno (3), in re maggiore. Rallenta ulteriormente in Meno, Quasi Lento (4). Poi improvvisamente cresce di velocità e ritorna a Re minore: Allegro Vivace (5). Rallenta in Allegretto (6) e si conclude con Molto Più Vivo (7).
Un contrasto continuo. Tra bene e male. Tra facile e difficile. Come tra musicanti. Nel compiacimento di chi dirige. Come la vita. Un su e giù. Come l’andare in montagna.
Dio sorride. Quando vede i suoi giocare bene.


La violinista attende! Il polso è sciolto. L’archetto è sospeso. Le corde tese. Un cenno. Musica. Czardas, di Vittorio Monti, 1904.
Ma tu lo sai suonare il violino?

Settimana di preghiera per l’unità dei Cristiani

Dal 16 al 28 gennaio 2023 è in programma la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani organizzata dall’Ufficio per l’Ecumenismo e dal titolo “Imparate a fare il bene, cercate la giustizia (Isaia 1,17)”. 
Un appuntamento anche ad Albino, lunedì 23 gennaio alle 20.45, in San Bartolomeo.

Approfondisci da qui https://www.santalessandro.org/2023/01/14/preghiera-oltre-le-divisioni-la-settimana-per-lunita-dei-cristiani/

LA ZONA D’INTERESSE

DA VENERDI’ 1 MARZO A LUNEDI’ 4 MARZO

Liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Martin Amis, “La Zona d’interesse” è la storia di una famiglia tedesca apparentemente normale che vive – in una bucolica casetta con piscina – una quotidianità fatta di gite in barca, il lavoro d’ufficio del padre, i tè della moglie con le amiche, le domeniche passate a pescare al fiume. Peccato che l’uomo in questione sia Rudolf Höss, comandante di Auschwitz, e la deliziosa villetta con giardino in cui vive con la sua famiglia in una surreale serenità è situata proprio al confine con il campo di concentramento, a due passi dall’orrore, così vicino e così lontano.

Durata: 105 minuti

https://albino.18tickets.it/

ORARI DI PROGRAMMAZIONE

VENERDI’: 21:00

SABATO: 21:00

DOMENICA: 21:00

LUNEDI’: 21:00

PREZZI

7,00€ (adulti)

5,00€ (ridotto, bambini fino ai 10 anni)

UN COLPO DI FORTUNA (COUP DE CHANCE)

MARTEDI’ 5 MARZO ORE 21:00

Film diretto da Woody Allen, è ambientato a Parigi e dintorni e racconta la storia di Fanny e Jean (Lou de Laâge e Melvil Poupaud), una coppia all’apparenza perfetta. I due sono molto soddisfatti della loro vita, vivono in un bellissimo appartamento in uno dei migliori quartieri della città e, nonostante del tempo sia passato, sembrano innamorati come il primo giorno.
Quando Fanny incontra Alain (Niels Schneider), un suo ex compagno del liceo, rimane completamente affascinata da lui. I due iniziano a incontrarsi con molta frequenza, cosa che li porterà ad avvicinarsi sempre di più…

Durata: 96 minuti

https://albino.18tickets.it/

IL FANTASMA DI CANTERVILLE

DOMENICA 3 MARZO ORE 15:00 // 17:00

Il Fantasma di Canterville, il film d’animazione diretto da Kim Burdon e Robert Chandler, si svolge in un antico castello inglese infestato da oltre 300 anni dal fantasma di Sir Simon Canterville (Stephen Fry).
Lo spirito vaga per le stanze dell’imponente dimora in cerca di un discendente che lo liberi dalla maledizione che lo ha imprigionato. Tutti gli sventurati che sono passati da lì lungo i secoli, sono poi scappati terrorizzati.
Quando arriva una famiglia americana da poco trasferita in Inghilterra, Sir Simon fa di tutto per spaventare i suoi nuovi inquilini e mandarli via. Ma le sue buffe messe in scena non fanno altro che divertire tutti, che non sembrano affatto spaventati dalla presenza del fantasma. Anzi, il padre di famiglia gli dichiara guerra per sfrattarlo assumendo anche un’acchiappafantasmi professionista (Miranda Hart).
Solo la giovane figlia della coppia decide di mettersi dalla parte di Sir Simon e di aiutarlo a liberarsi dalla maledizione. Ma dovrà dimostrarsi molto coraggiosa…

Durata: 89 min.

https://albino.18tickets.it/

ORARI DI PROGRAMMAZIONE:

DOMENICA: 15:00 // 17:00

PREZZI:

7,00€ (adulti)

5,00€ (ridotto, bambini fino ai 10 anni)

PERFECT DAYS

DA VENERDI’ 16 FEBBRAIO A LUNEDI’ 19 FEBBRAIO

Perfect Days, il film diretto da Wim Wenders, racconta la storia di Hirayama (Koji Yakusho), un uomo che parla poco, umile ma sereno, che lavora come addetto alle pulizie dei bagni pubblici di Tokyo. Hirayama vive in una piccola casa, circondato da piante, e segue un’assidua e tranquilla routine, che gli permette di coltivare le sue passioni: la musica, i libri, la fotografia e gli alberi.
Il suo quartiere è pieno di piccoli caffè, frequentati sempre dalle stesse persone ogni giorno, di librerie, che vendono principalmente opere di Patricia Highsmith o romanzi di giovani scrittori giapponesi contemporanei. Hirayama preferisce recarsi a lavoro con il suo minivan, perfettamente equipaggiato di ogni attrezzo per pulire, mentre nelle sue orecchie risuonano i testi dei Rolling Stones, di Patti Smith o di Lou Reed. Attraverso quello che ascolta o legge e le foto che scatta, vengono rivelati la sua storia e il suo passato.

Durata: 123 minuti

https://albino.18tickets.it/

ORARI DI PROGRAMMAZIONE:

VENERDI’: 21:00

SABATO: 21:00

DOMENICA: 15:00 // 21:00

LUNEDI’: 21:00

PREZZI:

7,00€ (adulti)

5,00€ (ridotto, bambini fino ai 10 anni)

DOGMAN

MARTEDI’ 27 FEBBRAIO ORE 21:00

Cresciuto nel New Jersey tra le violente angherie del padre e del fratello, che lo tengono prigioniero nella gabbia dei cani da combattimento, il giovane Douglas arriva all’età adulta con enormi ferite psicologiche e fisiche, essendo confinato alla sedia a rotelle con il precario uso delle gambe. Solo i suoi adorati cani gli danno sollievo: sono addestrati a rispondere a ogni suo comando, e per conto del loro padrone aiutano i bisognosi e rubano nelle case dei ricchi.

Durata: 113 minuti

https://albino.18tickets.it/

IL CAFTANO BLU

MARTEDI’ 13 FEBBRAIO ORE 21:00

Halim e Mina gestiscono un negozio di caftani tradizionali in una delle medine più antiche del Marocco. Per stare al passo con le richieste dei clienti più esigenti, assumono Youssef. Il talentuoso apprendista mostra la massima dedizione nell’imparare l’arte del ricamo e della sartoria da Halim. Lentamente Mina si rende conto di quanto il marito sia commosso dalla presenza del giovane.

Durata: 90 minuti

https://albino.18tickets.it/

50 KM ALL’ORA

DA VENERDI’ 9 FEBBRAIO A LUNEDI’ 12 FEBBRAIO

50 km all’ora, il film diretto da Fabio De Luigi, racconta la storia di due fratelli (Stefano Accorsi e Fabio De Luigi) che hanno vissuto lontano per molti anni a causa di un rapporto conflittuale.
Quando il padre muore, si ritrovano al suo funerale ed è l’occasione per i due di affrontare i demoni del passato. Ritrovano due vecchie moto scassate che si erano costruiti da ragazzini e decidono di fare un viaggio insieme attraverso l’Italia. I giorni trascorsi sulle due ruote aiuteranno i fratelli a chiarire i rancori e ad analizzare il loro rapporto.
Un percorso che li riunirà riportandoli a casa…

Durata: 90 minuti

https://albino.18tickets.it/

ORARI DI PROGRAMMAZIONE:

VENERDI’: 21:00

SABATO: 21:00

DOMENICA: 15:00 // 17:00 // 21:00

LUNEDI’: 21:00

PREZZI:

7,00€ (adulti)

5,00€ (ridotto, bambini fino ai 10 anni)